INTERVISTA a Leandro Bisenzi (Circo Nero): “Le mille e una notte devono diventare digitali”

ScenariDigitali.info intervista Leandro Bisenzi, party planner fiorentino, forte di un’esperienza di 25 anni nel settore dell’intrattenimento. Solo tre nomi: Tenax e Le Nozze di Figaro, con cui ha animato la vita notturna a Firenze, il Circo Nero, “il circo della Musica e delle Passioni che urlano dentro”, un evento notturno itinerante, che da un decennio fa il giro d’Italia e del mondo, con un occhio di riguardo per il mondo arabo – una realtà in piena effervescenza, dove Riad sta investendo 500 miliardi di dollari in una nuova Megalopoli sul Mar Rosso, focalizzata su media digitali ed entertainment – e l’Asia, a partire dalla Thailandia, dove si terrà un atteso evento per celebrare il decennale del Circo Nero.

Intervista a Leandro Bisenzi (Circo Nero): A che punto è la Digital Transformation nel mondo delle feste e dell'intrattenimento?
Intervista a Leandro Bisenzi (Circo Nero): A che punto è la Digital Transformation nel mondo delle feste e dell’intrattenimento?

Con Leandro, ideatore del Circo Nero, affrontiamo il tema della Digital Transformation nel mondo delle feste e dell’intrattenimento. Una realtà dove la disruption innovativa è ancora agli esordi. 

Scenari Digitali: Quale ruolo prevedi per i visori di Realtà Virtuale (VR) e Realtà Aumentata (AR) nell’organizzazione di feste ed eventi mondani?

Leandro Bisenzi: Credo ci sia rapidissimo sviluppo della Realtà Virtuale (VR) nell’ambito dell’intrattenimento. Le tecnologie saranno sempre più integrate (embedded). Ibiza è la patria delle novità, come si vede nel video di Sublimotion,  il ristorante inaugurato a Ibiza da Michelin Paco Roncero (chef 2 stelle), e frutto della collaborazione fra cuochi, architetti, ingegneri, illusionisti e scenografi. La sala ha pareti completamente bianche e al centro ospita un unico tavolo per dodici persone, ma per godere l’esperienza immersiva della cena (a tema), è sufficiente indossare i visori Samsung Gear VR per essere catapultati in uno scenario coinvolgente dove si aprono scatole dal contenuto enigmatico e dove si può interagire con elementi virtuali o di realtà aumentata.

Le potenzialità della Realtà Virtuale (VR) e Aumentata (AR) nei party
Le potenzialità della Realtà Virtuale (VR) e Aumentata (AR) nei party

Scenari Digitali: I social media sono i migliori alleati per pianificare eventi nell’ambito dell’intrattenimento. Meglio Facebook, Instagram, Twitter, la messaggistica di Whatsapp o Snapchat nella tua esperienza?

Leandro Bisenzi: La mia scelta professionale consiste nell’impiegare due canali, principalmente: Facebook e Instagram. Non usiamo ancora Snapchat e neanche Twitter, mentre Facebook è utilissimo nella promozione, ma sta cedendo il passo ad Instagram, più innovativo sotto il profilo grafico e con un impatto più professionale e patinato. Whatsapp invece è la piattaforma per eccellenza per comunicare, progettare, pianificare ed organizzare eventi anche all’estero.

L'intrattenimento notturno deve scoprire le potenzialità dell'innovazione digitale
L’intrattenimento notturno deve scoprire le potenzialità dell’innovazione digitale

Scenari Digitali: Il blog ScenariDigitali.info ha inaugurato una rubrica intitolata “Mestieri che cambiano” nell’era della trasformazione digitale. Quali sono le tecnologie con maggior impatto nella tua professione di party planner?

Leandro Bisenzi: Luci, audio, cambi di palco: la sceno-tecnica è ciò che ha impatto teatrale estremo sul pubblico. Ma penso che si possa ancora innovare molto nella vita notturna e nella movida, dove le potenzialità tecnologiche sono enormi, ma – salvo poche eccezioni (vedi Ibiza) – ancora non abbiamo visto molto nei club in giro per il mondo. Stanno aumentando le visual, ma non sono state ancora utilizzate appieno e sicuramente si può fare di più. La scena italiana non si è agganciata all’innovazione tecnologica digitale e non sfrutta ancora le potenzialità offerte dalla Realtà aumentata e virtuale.

Scenari Digitali: Insomma, no Disruption (innovativa), no Party.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *