La realtà virtuale (VR) e i robot visti al CES 2018

La società d’analisi Canalys prevede che le vendite di visori di realtà virtuale (VR) standalone raggiungeranno quota 1.5 milioni di unità nel 2018, grazie alla sfida rilanciata da Lenovo, Oculus e HTC.

La realtà virtuale (VR) e i robot visti al CES 2018
La realtà virtuale (VR) e i robot visti al CES 2018

Al CES 2018, in corso a Las Vegas, è stato presentato Lenovo Mirage Solo, visore VR standalone basato sulla piattaforma Google Daydream, per sfidare Htc Vive Pro e Oculus G di Facebook. 

Lenovo Mirage Solo è un visore standalone, con supporto alla tecnologia di motion-tracking WorldSense, in grado di utilizzare la Mirage Camera per visualizzare e condividere video a 180 gradi. Specifiche: schermo da 5,5″ QHD, SoC Snapdragon 835, 4GB di RAM e 64GB di spazio interno, Jack audio.

Lenovo Mirage Solo è un visore VR standalone
Lenovo Mirage Solo è un visore VR standalone

Htc ha tolto i veli a Vive Pro, un visore che ha ottimizzato la risoluzione, ha integrato le cuffie e l’upgrade è dedicato al mondo enterprise, pur non avendo tagliato i fili che lo collegano a Pc. La versione wireless si ottiene con add-on di terze parti o con l’ufficiale Vive Wireless Adaptor (che sfrutta la tecnologia WiGig di Intel). La risoluzione passa a 2,880×1,600 pixel dei suoi display dual-OLED (incremento del 78% rispetto allaprecedente versione). Htc supporterà SteamVR Tracking 2.0,la tecnologia di Steam per muoversi in uno spazio di 10 per 10 metri quadrati.

Merge 6DoF Blaster è un Laser Tag per AR.

Facebook ha annunciato che Oculus Go, il primo visore VR standalone, sarà realizzato da Xiaomi.

Fra i robot, spicca il nuovo Aibo Dog di Sony, che, grazie all’intelligenza artificiale (AI), aprirà le porte a una vasta gamma di nuovi robot: l’unica critica è che il cane-robot non dispone di un assistente vocale in stile Amazon Echo. Aibo Dog costerà 1.800 dollari più una tariffa mensile.

A sfidare Sony sui robot, è Lg, anche se la presentazione è stata un flop a causa del disobbediente Lg Cloi, ma l’azienda sud-coreana vuole promuovere ThinQ, il suo software AI in-house, anche se sulle Tv Lg utilizza Google Assistant.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *