Coronavirus, non è l’ora di un’edizione di #MWC2020 solo in #streaming?

Le defezioni all’edizione di quest’anno del Mobile World Congress (MWC 2020) sono così importanti (non solo Ericsson, ma anche Vodafone, Deutsche Telekom, Nokia, e forse Orange) da rischiare di far cancellare l’evento che si tiene a Barcellona e che aspetta(va) 100mila visitatori. L’organizzatore GSMA sta decidendo il da farsi in queste ore, anche se la soppressione dell’evento, a causa dell’allarme coronavirus, comporterebbe alte penali e preferirebbe che il governo spagnolo dichiarasse l’emergenza sanitaria per far saltare l’appuntamento in programma dal 24 al 27 febbraio. MA siamo o no nell’era del video streaming?

Coronavirus, non è l'ora di un'edizione di #MWC2020 solo in #streaming?
Coronavirus, non è l’ora di un’edizione di #MWC2020 solo in #streaming?

Siamo no nell’era delle video conferenze e della collaboration? Non conosciamo tutti le soluzioni di Ibm o di Microsoft o di Cisco o il 5G di Ericsson per ovviare a simili problematiche? Internet non è stata inventata per far fronte a una guerra nucleare? I keynote non si potrebbero tenere in video? Gli speaker non potrebbero parlare dalle sale stampa aziendali, senza mettere a rischio nessun manager e nessun visitatore, ma senza rinunciare alle presentazione dei nuovi top di gamma del mercato smartphone?

Non permettiamo all’allarme dell’epidemia del coronavirus di frenare l’economia più di quanto già non succeda nella già zoppicante Eurozona! MWC non è solo keynote e presentazioni dei dispositivi top di gamma (ieri Samsung ha già anticipato tutti con il suo Samsung S20 e Z Flip, con cui ridefinisce la fotografia nell’era Mobile, di cui parleremo nei prossimi giorni): è vero, il Mobile World Congress è soprattutto un appuntamento per chiudere contratti, stringere mani di nuovi partner e toccare con mano i device da testare. Nessuno qui vuole ridimensionare la percezione tattile e visiva del contatto diretto, così immediato e così fondamentale in una fiera di settore! Ma non si può neanche mettere un freno all’economia, soprattutto nel mercato smartphone, in calo dell’1,1% con 368,8 milioni di pezzi nel corso del quarto trimestre 2019 rispetto ai 373,1 milioni dell’anno precedente.

Il mercato smartphone ha archiviato il 2019 in declino del 2,3% rispetto all’anno precedente, totalizzando 1.371 milioni di smartphone venduti. Un mercato saturo dove neanche i modelli foldable riescono a smuovere le acque stagnanti, almeno per ora, prossimamente vedremo se i nuovi modelli di Samsung, svelati ieri, soprattutto il modello a conchiglia, romperanno il ghiaccio e si scrolleranno di dosso l’effetto di “elefanti in cristalleria” dei dispositivi flessibili. Il mercato smartphone non si può permettere una battuta di arresto a causa delle giuste precauzioni da prendere per il coronavirus. Samsung, pur sorpassata da Apple nel quarto trimestre, ha mantenuto lo scettro con il 21,6% di market share, tallonata da Huawei con il 17,6%, mentre Apple si conferma al terzo posto con il 13,9% (grazie al boom dello shopping natalizio: 73,8 milioni di iPhone venduti che le sono valsi la prima posizione con il 20% di quota di mercato e in aumento del 7,9%), Xiaomi si piazza al quarto posto con 125,6 milioni (forte dei 32,8 milioni di smartphone venduti a Natale, in crescita del 31,1%), mentre OPPO chiude la magica cinquina con 114,3 milioni di device (di cui 30,6 milioni distribuiti sotto l’albero, in lieve aumento del 4,2%).

Nel corso del 2019, Samsung ha tenuto i volumi complessivi, registrando un incremento dell’1,2%, mentre Apple ha perso l’8,5% (in volumi), Huawei ha messo a segno un balzo che ha sfiorato il 17%, mentre Xiaomi si conferma un buon cavallo al ritmo del 5,5% di crescita, seguita da OPPO con un +0,9% rispetto all’anno precedente.

In questo scenariom davvero MWC 2020 può chiudere i battenti? O non conviene chiamare gli specialisti della Collaboration e delle Video Conferenze per tenere un’edizione totalmente in streaming che catturi l’immaginario del pubblico come Apple strega da anni i suoi fan negli eventi online?

UPDATE: L’organizzatore della fiera, la GSMA, ha ufficializzato la cancellazione di MWC 2020, dove erano attesi 750 operatori per 400 imprese del settore delle Telco e dell’ecosistema Mobile. (Rimane la perplessità che l’associazione del Mobile non sappia gestire un evento da remoto in mobilità… Surreale!).

@CastigliMirella

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *