Netcomm Forum: e-commerce tricolore verso i 23 miliardi. Verso lo Unified Commerce

Dopo aver superato il giro di boa dei 20 miliardi nel 2016, con un balzo del 18%, l’e-commerce italiano veleggia verso i 23 miliardi di euro. Lo dichiara il Consorzio Netcomm, in occasione di Netcomm Forum, la due giorni dedicata al commercio elettronico, giunta alla dodicesima edizione. Secondo Osservatori Digitali, “il 23% (del totale in valore, ndr) viene acquistato da smartphone”, l’8% da tablet e il 69% da desktop. Si naviga più da mobile, ma si acquista più da desktop: pesano fattori come le difficoltà di navigazione, il confronto prezzi, l’inserimento dati e la sicurezza.

Netcomm Forum: e-commerce tricolore verso i 23 miliardi. Verso lo Unified Commerce
Netcomm Forum: e-commerce tricolore verso i 23 miliardi. Verso lo Unified Commerce

L’e-commerce in Italia ha chiuso il 2016 con un giro d’affari in crescita del 10%, forte di 20,7 milioni di shopper. Sono rosee le previsioni per il 2017: Netcomm prevede che la crescita nel 2017 registrerà un incremento di un ulteriore 19%; le transazioni raggiungeranno circa 23 miliardi e mezzo di euro. Ma nel mondo, l’e-commerce vale 2.670 miliardi di dollari, di cui 1.060 miliardi nell’area Asia Pacifico, 644 miliardi in Nord America (In USA il 45% dei dollari spesi durante le stagione natalizia vengono sborsati su Amazon), 505 miliardi in Europa. Il Retail è il settore principe della Digital Transformation, perché lo shopping non è un atto bensì un processo: il nuovo paradigma è Always connected retail. In Italia a trainare l’e-commerce sono la digitalizzazione delle famiglie e le abitudini multidevice. Nota stonata: soltanto 22 acquisti su 100 avvengono su merchant italiani.

Per saperne di più, #NetcommForum è l'hashtag su Twitter
Per saperne di più, #NetcommForum è l’hashtag su Twitter

I consumatori italiani, che hanno effettuato almeno una volta un’esperienza di acquisto online, passano da 25,9 a 26,4 milioni. Inoltre, nel 2017 si rafforzerà ancora il ruolo dei dispositivi mobile: gli ordini da tablet e smartphone passerà dal 23,9% del 2016 al 25,9% sul totale degli acquisti online.

I segmenti che più traineranno lo shopping online sono Luxury, Viaggi e il settore Food, quello che metterà a segno i ritmi più impetuosi di crescita, come dimostra l’interesse giovanile verso Just Eat e Deliveroo. Anche il fashion ha registrato un aumento del 10%, grazie all’omnicanalità.

Il Food&Grocery segna un’impennata del 37% a quota 812 milioni di euro. L’Arredamento fattura 847 milioni (+27%). Si distinguono per dinamismo anche i settori dell’Informatica ed elettronica con 3.695 milioni (+26%), dell’Abbigliamento con 2.384 milioni di euro (+23%) e dell’editoria che con un balzo del 18%, sfiora gli 800 milioni.
Il Travel rallenta a +9% ma in valore raggiunge i 9,34 miliardi di euro, seguita dalle assicurazioni in aumento del 6% (pari a 1,3 miliardi).

I 5 fattori chiave per avere successo nel commercio elettronico sono: orientamento, selezione, pagamenti, logistica, customer care. Dove customer care significa anche usare le chat (e Whatsapp, Facebook Messenger eccetera) accanto ai canali tradizionali. E, in ambito logistica, il Consorzio presenterà a Milano un piano di city logistics per le consegne del commercio elettronico. La flessibilità di consegna è imprescindibile. Lo shopping online è un’esperienza emozionale, in cui la consegna deve generare benessere. Il customer well-being è un passo successivo alla customer satisfaction. I clienti chiedono: aggiornamenti costanti, assistenza e consegne personalizzate.

Il 67% dei consumatori legge almeno 6 recensioni (quelle online sono considerate molto affidabili), prima di effettuare l’acquisto. In ambito influencer, gli User generated content (UGC) dominano: per il 48% dei consumatori, rappresentano un modo comodo per scoprire nuovi prodotti, migliorando la customer experience. Il tasso di reazione aumenta del 15%, se si associa un’immagine alle notifiche push.

Altro elemento da non sottovalutare è il packaging: è il primo contatto fisico con un brand ed haun impatto sulla fedeltà del consumatore. L’imballo perfetto è semplice da aprire, ecologico, personalizzato e riutilizzabile.

Per chi fa e-commerce, è sempre più importante il Customer Lifetime Value (CLV), uno degli indicatori cruciali che aiutano a capire quanto possa valere un cliente. Per incrementare i CLV, c’è una ricetta segreta: riconoscere i propri utenti fra tutti i canali, il loro stato di salute, i loro desideri ed abitudini, individuarne il prossimo obiettivo, creare un’esperienza personalizzata. I big data sono fondamentali.

Ben 12.000 imprese, 160 sponsor, 3 convegni, 160 relatori e 60 workshop convergono a Netcomm Forum, il 10 e 11 Maggio al MiCo di Milano. Filo conduttore di questa edizione è lo Unified Commerce, la nuova dimensione di sinergia, integrazione e contaminazione fra online e offline: «Per questo le aziende che hanno integrato il canale digitale nei loro processi di business devono essere in grado di creare un’esperienza unificata di e-commerce, dove online e offline e i diversi device si mescolano costantemente in un nuovo ecosistema esperienziale», ha spiegato Roberto Liscia, presidente di Netcomm. A proposito di commercio unificato, in Olanda si sta sperimentando un modello innovativo, in cui i negozi di una strada si mettono insieme per l’e-commerce. Ad Amsterdam, sono 9 le vie dello shopping che portano sul Web l’esperienza vissuta in negozio. Del resto, nel 2020 i consumatori olandesi compieranno il 48% dei propri acquisti in Rete.

Mirella Castigli

Va in onda il Patto per la Lettura: la Tv promuoverà i libri, ma basterà?

Ogni anno in Francia si spendono 3 miliardi di euro in libri. Il triplo rispetto all’Italia. Oggi il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini, presso il Salone del Ministro al Mibact, ha presentato il Patto della Lettura con le Tv (Rai, Mediaset, La7, Sky Italia, Discovery Italia e Tv2000). Verranno mandati in onda spot per promuovere la lettura come piacere. Ottima iniziativa, ma basterà?

Va in onda il Patto per la Lettura: la Tv promuoverà i libri?
Va in onda il Patto per la Lettura: la Tv promuoverà i libri?

Dagli ultimi dati dell’Associazione italiana editori (AIE), emerge una situazione sconfortante: “sono circa 33 milioni (dati 2016) le persone con più di 6 anni che non hanno letto nemmeno un libro di carta in un anno”; gli e-book contribuiscono solo per il 7% del mercato; il settore nel 2016 ha messo a segno una timida crescita (+0,3%) rispetto all’anno precedente; il 10% di famiglie dice di non possedere libri in casa, mentre quasi la metà nel 2016 “ha a disposizione non più di 50 libri”. Dal punto di vista geografico, c’è un gap enorme fra Nord e Sud del Paese: “Tra il Nord Est e il Nord Ovest la percentuale dei lettori è pressoché simile (48,7% e 48,5%), nel Centro Italia i lettori sono il 42,7%. Il crollo è nel Sud in cui i lettori sono il 27,5%”. Le uniche note positiva giungono dalla fiction (38,4% a copie) e dai libri per bambini e ragazzi (22,8% sempre a copie), due generi che insieme rappresentano oltre metà del mercato, sia a valore che a copie, “e sono in crescita rispetto al 2016”.

Caro ministro, il Patto per la Lettura è interessante, ma sarà sufficiente in un Paese che non legge e che ha anche – ci permetta l’espressione – uno Spread libraio così vasto con il resto dell’Europa?

Amazon Echo con Alexa domina il nascente mercato degli home speaker

Non è Google Home la regina degli home speaker, bensì Amazon Echo con Alexa (tra parentesi, la tecnologia ad attivazione vocale del colosso di Seattle è in arrivo in Italia, dopo il recente debutto di Amazon Pay). I dispositivi Amazon Echo ed Echo Dot detengono il 70.6% del mercato USA, secondo eMarketer.

eMarketer: Amazon Echo domina il mercato degli home speaker negli USA
eMarketer: Amazon Echo domina il mercato degli home speaker negli USA

Lo speaker casalingo di Amazon è dotato di Alexa, la tecnologia ad attivazione vocale a cui gli utenti impartiscono ordini vocali per ascoltare musica, chiamare Uber o accendere le luci.

Gli acquirenti potrebbero ordinare acquisti via Alexa, generando 10 miliardi di dollari per Amazon entro il 2020 (fonte: RBC Capital Markets).

Il titolo di Amazon è prossimo a raggiungere i mille dollari, dopo l’ottavo trimestre consecutivo in utile: Amazon ha postato 724 milioni di dollari di profitti, di cui l’89% deriva dai servizi cloud di Amazon Web Services, sebbene Aws fatturi appena il 10% del totale. Anche Prime è una macchina da profitti: il servizio in abbonamento per la spedizione gratuita dei pacchi e dello streaming di musica e film fattura 1,9 miliardi di dollari nel trimestre, in crescita del 49% rispetto all’anno precedente. Il 65% delle famiglie statunitensi è abbonato a Prime: spendono 1300 dollari all’anno contro i 600 dollari degli altri clienti. L’internazionalizzazione è poi affidata all’acquisizione di Souq.com e agli investimenti in India e Messico.

Mirella Castigli

Solo questione di tempo il sorpasso di Samsung su Intel

Il business delle memorie NAND cresce molto più velocemente di quello delle CPU per server, PC e laptop. Di questo passo, Samsung potrebbe mettere la freccia su Intel, chipmaker numero uno dal 1993, quando strappò la corona a NEC.

Secondo  IC Insights, le vendite di chip di Samsung potrebbero superare quelle di Intel nel secondo trimestre dell’anno: con 14.6 miliardi di dollari, il colosso sud-coreano può registrare uno storico sorpasso rispetto ai 14.4miliardi di dollari di Intel.

Solo questione di tempo il sorpasso di Samsung su Intel
Solo questione di tempo il sorpasso di Samsung su Intel

A spingere i conti di Samsung non sono solo le memorie DRAM e NAND, ma anche i processori mobili a 14nm, che trainano i profitti della divisione in crescita del 40% anno su anno.

Il sorpasso avviene mentre Galaxy S8 dà grandi soddisfazioni a Samsung e mentre Apple è impegnata nella guerra dei chip (e non solo contro Qualcomm) ed è sotto attacco su tutti i fronti (il rallentamento a sorpresa delle vendite di iPhone avviene mentre Microsoft lancia Surface Laptop, una sfida ai Macbook e ai Chromebook nel settore Education).

Mirella Castigli

Tesla raddoppia il fatturato: Model 3 verrà presentata a luglio

Tesla, la fabbrica dei sogni di Elon Musk, ha chiuso il primo trimestre, raddoppiando i ricavi. Gli scettici vogliono vedere se il profeta della triade Green (auto elettriche – energia pulita e viagi spaziali con Space X) riuscirà a produrre 500.000 vetture all’anno nel 2018. La versione finale di Model 3, il primo modello “di massa” che verrà venduto al prezzo di 35 mila dollari, verrà presentata a luglio.

Tesla raddoppia il fatturato: Model 3 debutterà a luglio
Tesla raddoppia il fatturato: Model 3 debutterà a luglio

Tesla aumenta il fatturato a 2.7 miliardi di dollari, ma le perdite nette si allargano, passando da 282.3 milioni di dollari a 330.3 milioni di dollari, a causa dell’acquisizione di SolarCity (pannelli solari).

Tesla afferma che è migliorata l’efficienza: i tempi di riparazione veicoli si sono ridotti del 35% grazie all’uso della diagnostica da remoto.

Nei giorni scorsi Tesla ha superato Ford Motor e General Motors (GM) per capitalizzazione di mercato a Wall Street.

Secondo Vox, per costruire auto interamente elettriche servono  batterie di litio5mila volte rispetto a quelle necessarie a uno smartphone. Secondo Bloomberg New Energy Finance, entro il 2022 avere un’auto elettrica sarà meno costoso di averne una classica.

Mirella Castigli

Le ambizioni hardware di Microsoft

Lo smartphone è morto (anche se ancora non lo sa), viva l’hardwdare.

Archiviati gli errori di Steve Ballmer (due per tutti: l’acquisizione di Nokia e il flop di Surface RT), il Ceo Satya Nadella è ripartito dalla gamma Surface per riconquistare giovani e Millennial. Per non perdere il treno generazionale. Ora agli ibridi Surface, Microsoft ha affiancato l’all-in-one Surface Studio, il portatile Surface Book e ora il Surface Laptop con Windows 10 S (ex Windows cloud), la risposta di Microsoft ai Chromebook. Senza dimenticare i visori HoloLens per la mixed reality (AR inclusa).

Le ambizioni hardware di Microsoft
Le ambizioni hardware di Microsoft

Le ambizioni di Microsoft nell’hardware si basano sulle cifre: Surface ha generato oltre 4 miliardi di dollari di vendite nello scorso anno. Il tablet di Microsoft è risultato in testa alla classifica J.D. Power U.S. Tablet Satisfaction. Il declino del 26% nell’ultima trimestrale è più legato al fatto che i modelli di Surface Pro iniziano ad essere datati. Il colosso del software deve solo imparare la regola aurea dell’hardware: quando scatta l’ora del refresh, quando è il momento di tagliare i prezzi per dar via l’inventario.

Poiché l’ultimo MacBook Pro, arrivato dopo 500 giorni dal modello precedente, ha deluso i fan del Mac, è troppo complesso da usare e pure costoso, forse Microsoft può cogliere una finestra di opportunità per attirare utenti Mac nel campo del Surface.

Windows ha perso il suo monopolio, nel senso che detiene il 90% del mercato Pc, un settore in declino (anche se ora qualcosa si muove, secondo Idc) “superato” dal Mobile (smartphone e tablet). Microsoft, tuttavia, ha la sua occasione d’oro per forgiare nuove relazioni con creativi, designer ed architetti. E lo smartphone? Forse è morto, anche se il mercato smartphone – da 1,5 miliardi di pezzi – ancora non lo sa. Ma il futuro appartiene ai dispositivi come HoloLens.

P.S.: Microsoft tornerà a fare smartphone ma questi saranno radicalmente diversi. Con Surface Phone, think different.

Mirella Castigli

iPhone 8 gioca un brutto scherzo ad Apple

Sembrava che dovesse postare la solita noiosa trimestrale e il titolo aveva già toccato un nuovo record. Invece no: a sorpresa le vendite di iPhone calano e il titolo crolla. Gli utenti si tengono il vecchio iPhone ancora per qualche mese, aspettando iPhone 8, l’attesissimo smartphone del decimo anniversario.

L’azienda, che detiene 250 miliardi di dollari in contanti o investimenti a breve, è costretta a un programma di capital return pari a 50 miliardi di dollari. I ricavi derivanti da servizi (iCloud, App Store, Apple Music) intanto salgono del 18% a 7.04 miliardi di dollari.

Apple ha venduto 50.8 milioni di iPhone, meno rispetto ai 51.2 milioni di un anno fa e sotto le attese. Il fatturato degli smartphone è salito dell’1.2%.

iPhone 8 gioca un brutto scherzo ad Apple
iPhone 8 gioca un brutto scherzo ad Apple

Ferve l’attesa per iPhone 8, il dispositivo del decimo anniversario: potrebbe avere ricarica wireless, riconoscimento facciale 3D, fotocamera con doppia lente, chip a 10 nanometri e display curvo e Oled, racchiuso in un design più simile all’iPhone 4 del 2010. Forrester Research esprime scetticismo sulle previsioni del ciclo di upgrade. Più le vendite di S8 sono forti, più incerte sono le stime su iPhone 8: e Samsung Galaxy S8 ha già superato del 30% le vendite di S7.

Inoltre l’azienda di Cupertino è impegnata nella guerra dei chip, per ridurre la dipendenza dai supplier ed accelerare nel chip design. Apple ha cessato di pagare le royalty ai partner Qualcomm, dopo aver sospeso l’utilizzo dei chip di Imagination e aver messo Dialog in difficoltà.

Samsung Galaxy S8 e i concorrenti hanno alzato l’asticella, mentre il mercato smartphone non cresce più come un tempo ed Apple rallenta in Cina (dove il fatturato è in flessione del 14%, meno precipitosamente di un anno fa).

Il titolo di Apple cala del 2%, dopo un balzo in avanti del 27% quest’anno.

Mirella Castigli

Twitter vorrebbe che tutti i leader mondiali twittassero come Trump

Twitter ha siglato partnership con 16 player editoriali, da Bloomberg a BuzzFeed, da Nba a Live Nation. Con lo streaming 24 ore al giorno, il micro-blog di San Francisco sfida le Tv.

Dall’ultima trimestrale, Twitter ha superato la soglia di 800 ore di contenuto Live visto da oltre 45 milioni di utenti unici. Il bilancio della società nel primo trimestre 2017 è stato migliore delle attese: ha riportato il sorriso a Wall Street, grazie all’incremento del 6% della base utenti a quota 328 milioni di unità. Il fatturato è calato dell’8% a 548 milioni di dollari, ma la perdita netta si è ridotta a 62 milioni (contro il rosso di 80 milioni dello stesso periodo nel 2016).

Twitter vorrebbe che tutti i leader mondiali twittassero come il presidente Trump (in foto: Trump nella campagna pubblicitaria di Twitter in Giappone)
Twitter vorrebbe che tutti i leader mondiali twittassero come il presidente Trump (in foto: Trump nella campagna pubblicitaria di Twitter in Giappone)

Ora Twitter dice, per bocca del Chief Operating Officer Anthony Noto, che vorrebbe che tutti i leader mondiali twittassero come il presidente Trump. Finora il prolifico utilizzo di Tweet (spesso controversi), non aveva smosso le acque nell’audience del micro-blogging da 140 caratteri, tuttavia il presidente degli USA conta 28.6 milioni di follower, in crescita rispetto ai 24 milioni al momento dell’inaugurazione della sua presidenza. Il sito ha aggiunto 9 milioni di utenti nel primo trimestre: utenti che seguono più news ed account politici.

Mirella Castigli

A #MicrosoftEDU, presentati Surface Laptop e Windows 10 S

A New York Microsoft presenta Windows 10 S:, finora noto con il nome in codice di Windows 10 Cloud: i dispositivi partono a 189 dollari, con un anno gratuito di Minecraft Education Edition ed Office 365 for education e Microsoft Teams, l’area di lavoro di Office 365 basata su chat “che integra tutte le persone, i contenuti e gli strumenti necessari” per rendere i propri team più aggiornati sui lavori condivisi. Partner di Windows 10 S sono: Acer, Asus, Samsung e Toshiba. La S sta per sportivo, ad alte performance.

Microsoft presenta Windows10S
Microsoft presenta Windows10S

Microsoft Teams per le classi di scuola supporta sondaggi ed altre applicazioni, ma soprattutto permette agli insegnanti di vedere tutti gli studenti della classrooms e fare l’appello. Consente al docente di parlare a 2 studenti e ai loro compagni. L’azienda guidata dal Ceo Satya Nadella ha offerto una demo di editing collaborativo nei documenti Word condivisi.

Surface Laptop
Surface Laptop

In ambito hardware, Microsoft ha svelato Surface Laptop, un notebook da 999 dollari, 1,25 Kg, equipaggiato con Windows 10 S. Dotato di CPU Intel Core i5 di settima generazione, porta USB 3.0 Type-A, è in preordine dal 2 di maggio e in commercio dal 15 di giugno.

Surface Laptop con Windows 10 S
Surface Laptop con Windows 10 S

Qual è l’azienda tecnologica più popolare a scuola? Google, grazie ai poco costosi e performanti (oltreché basati sul cloud) Chromebook. Microsoft è alla rincorsa del settore Education, dove lancia l’iniziativa #MicrosoftEDU: i Surface dovranno sfidare anche Apple iPad, oltre ai più economici Chromebook. Nelle scuole USA, più di metà dei device comprati l’anno scorso erano Chromebook, secondo Futuresource Consulting, in crescita di un terzo rispetto al 2014: Gmail è il servizio con più accessi (forte di 900 milioni di login).

Con #MicrosoftEDU, Microsoft vuole portare il Surface sui banchi di scuola
Con #MicrosoftEDU, Microsoft vuole portare il Surface sui banchi di scuola

Nell’ultima trimestrale, i Surface perdono terreno (sono in calo del 26%), ma il cloud cresce del 50% a quota 15.2 miliardi di dollari, mentre la suite per la produttività Office 365 conta 100 milioni di utenti attivi. Ma se Surface piange, messo sotto pressione dalla concorrenza dei partner (Dell Technologies, Lenovo e Hp), finalmente Windows ride: i ricavi da licenze mettono a segno un incremento del 5%, spintti anche dalla ripresina (+0,6%) del mercato Pc.

In ambito consumer, Windows – la tradizionale gallina dalle uova d’oro dell’azienda di Redmond – scende dell’1%, ma salgono del 10% i ricavi più fruttuosi di Windows per business ed educational. Motivo per cui, Microsoft decide di insistere in questo campo. Con grande anticipo, Microsoft scommette su Windows 10 Cloud per il Back to school. Intanto prepara gli STEM summer camp.

Mirella Castigli

Per la prima volta Bitcoin supera l’oro e Tesla la GM. Ma basteranno i progressi IT a frenare il declino culturale della Silicon Valley?

Nessuno mette in dubbio la capacità di innovare delle aziende tecnologiche, anche se il rallentamento è evidente: nel 2004, all’indomani della quotazione di Google, dovevo scrivere 15-20 news al giorno, per stare dietro al lancio di nuovi servizi, oggi bastano 3-5 news quotidiane ed a volte sono perfino troppe.

Ma non è neanche questo il punto: la disruption è andata parecchio avanti, oggi l’Intelligenza Artificiale (AI) è una realtà e fa progressi day-by-day. Tuttavia, il declino culturale della Silicon Valley sembra segnato: Brad Stone di Bloomberg ha spiegato come Uber e Airbnb stanno cambiando il mondo, ma nessuno pensa più che questo progresso conduca a una società migliore. Anzi.

L’automazione (sia software con l’AI che hardware con i robot) ingurgita posti di lavoro, come il terrificante Pesce-cane inghiottisce Pinocchio nel libro di Collodi. La vita digitale divora la nostra privacy, ormai ridotta a feticcio, nonostante l’adozione della crittografia end-to-end, come pannicello caldo per passare un colpo di spugna sul caso NSA. Ma a strappare l’aura di eroi ai protagonisti della Silicon Valley è anche l’ascesa di personaggi spregiudicati, come Marissa Mayer, il Ceo di Yahoo! che guadagnerà 186 milioni di dollari come risultato dello spezzatino (la cessione di asset core a Verizon) e del silenzio su due gravissimi casi di data breach (uno ha compromesso gli account di un miliardo di utenti: un miliardo, non quattro gatti). Mayer, ex enfant prodige di Google, ha sprecato un paio di miliardi in decine di acquisizioni, che non hanno rivitalizzato Yahoo!, ma ne hanno accelerato il declino, fino allo showdown, la svendita di un brand storico della valle del silicio. Ma è forse meglio il controverso Travis Kalanick, il Ceo di Uber finito nel minirino dei media per varie accuse?

Per la prima volta Bitcoin supera l'oro e Tesla la GM. Ma basteranno a frenare il declino culturale della Silicon Valley?
Per la prima volta Bitcoin supera l’oro e Tesla la GM. Ma basteranno a frenare il declino culturale della Silicon Valley?

In questo scenario, si aggira non solo lo spettro dell’oligopolio, ma quello ben più opprimente dei feudatari della Rete. Secondo Pivotal Research, Google e Facebook detengono il 99% della crescita del digital advertising nel 2016. Google cattura l’88% del mercato dei motori di ricerca. Facebook, tramite la triade della messaggistica (Whatsapp e Facebook Messenger) più Instagram – detiene il 77% dei social media. Amazon (che non sta in Silicon Valley, ma ne condivide lo spirito) controlla oltre metà dell’e-commerce, ma raggiunge il 74% delle vendite di e-book. Apple fa il pieno dei guadagni: incassa il 79,2% dei profitti mondiali degli smartphone. Startup come Uber e AirBnb vengono continuamente contestate nel mondo, perché la sharing economy modifica i rapporti fra produttori e consumatori, trasformando i consumatori in nuovi produttori, ma contribuendo all’impoverimento ed alla de-professionalizzazione della classe media.

Jonathan Taplin: Move Fast and break things.
Jonathan Taplin: Move Fast and break things.

Nei giorni scorsi, per la prima volta Bitcoin ha superato il valore dell’oro e Tesla ha messo la freccia sulla GM a Wall Street. Ma la domanda da porsi è un’altra: basteranno queste notizie a frenare il declino culturale della Silicon Valley? O non si sta, progressivamente, erodendo il capitale di simpatia/utopia delle Big IT, accusate di pagare le imposte dove fa più comodo, di aiutare la diffusione di Fake news (mettendo a repentaglio la democrazia) ed additate di portare l’orologio della storia indietro ai tempi delle gabelle del sistema feudale? Forse un’operazione simpatia, questa volta, non sarà sufficiente per riportare in auge i nuovi Padroni delle Ferriere Digitali, la cui concentrazione di ricchezza e potere è perfino peggiore di quella di John Rockfeller e J.P. Morgan, come osserva con acume Jonathan Taplin.