Scuola e formazione, serve un piano molto ambizioso

L’Italia spende 20 miliardi per anticipare di un anno la pensione a centomila persone, in un Paese che non è per giovani dal momento che il 77,2% della spesa sociale tricolore va agli Over65. Oggi Save The Children rende noto che 1,2 milioni di minori italiani versano in povertà, anche educativa, dal momento che frequentano scuole pericolanti, non hanno libri e fanno poco sport. Numeri che si aggiungono ai dati estivi dell’Invalsi 2019, da cui emergeva un’Italia divisa in due, non solo lungo la solita frattura Nord/Sud, ma anche di famiglie di provenienza, dove i ragazzi con cittadinanza non italiana arrancano: la metà dei maturandi risulta «analfabeta» in matematica e solo uno studente su tre raggiunge il livello B2 in inglese (ma non va tanto meglio nella comprensione di un testo in lingua italiana…). Ma, come dice da tempo Assolombarda, la Filiera del Futuro è incentrata su lavoro, giovani tecnologia, fra l’altro: il capitolo delle competenze (digitali e non) è ineludibile.

Investire nella scuola conviene
Investire nella scuola conviene

Continue reading “Scuola e formazione, serve un piano molto ambizioso”

La grande defezione da Libra, la criptovaluta di Facebook

Libra ha ballato una sola stagione? Lo sapremo presto. All’annuncio della sua criptovaluta, Libra, al debutto nella prima metà del 2020, Facebook aveva presentato una nutrita lista di sostenitori, interessati alla sfida di Mark Zuckerberg ai Bitcoin: prestigiosi colossi finanziario del calibro di Visa, Mastercard, Uber, Vodafone, eBay e PayPal avevano aderito (o promesso di farlo in tempi brevi) alla Libra Association. Ma, quasi giunti alla vigilia della nomina del board, il progetto di Facebook ha iniziato a perdere i pezzi, fino a registrare una vera e propria fuga dalla criptovaluta: abbiamo scherzato, e, dopo l’annuncio di PayPal, che di fatto ha innescato un effetto domino, anche Visa, Mastercard, eBay, Mercado Pago e Stripe si sono defilati.

La criptovaluta Facebook Libra alla resa dei conti
La criptovaluta Facebook Libra alla resa dei conti

Continue reading “La grande defezione da Libra, la criptovaluta di Facebook”

Huawei Mate 30 dà il benservito a Google (e a Trump)

Huawei ha presentato a Monaco di Baviera l’atteso Mate 30, il primo modello senza le apps di Google. Lo Chief Executive Officer Richard Yu ha spiegato che è la risposta del colosso cinese ai dazi di Trump e alla lunga estate calda della guerra commerciale che costa agli Stati Uniti 300mila posti di lavoro (fonte: Moody’s). Le vendite hanno iniziato a mostrare sofferenza in Usa ed Europa, dopo il bando di Trump, anche se in precedenza nel periodo gennaio-agosto la domanda era aumentata del 26%.

I nuovi Huawei Mate 30 e 30 Pro, senza le apps di Google
I nuovi Huawei Mate 30 e 30 Pro, senza le apps di Google

Continue reading “Huawei Mate 30 dà il benservito a Google (e a Trump)”

Sovranismo Digitale/ La Cina prepara l’addio a Microsoft Windows

Mentre Google (con il no agli AdBlocks) sta per regalare una buona ragione a 2 miliardi di utenti di Chrome per passare a Mozilla Firefox, un’altra bomba esplode a mercati aperti: in piena guerra dei dazi, la Cina prepara l’addio a Microsoft Windows.

Sovranismo Digitale: La Cina prepara l'addio a Microsoft Windows
Sovranismo Digitale: La Cina prepara l’addio a Microsoft Windows

Continue reading “Sovranismo Digitale/ La Cina prepara l’addio a Microsoft Windows”

(UPDATE) L’impatto del caso Huawei sul mercato smartphone

Poche settimane fa, la società d’analisi IDC aveva stimato che la spesa tecnologica consumer a livello mondiale avrebbe toccato quota 1.320 miliardi di dollari nel 2019 (+3,5% sul 2018), per raggiungere i 1.430 miliardi (CAGR +3%) nel 2022. Le tecnologie tradizionali (pc e telefonia) peseranno per il 96% nel 2019. Queste erano le previsioni generali, prima dello scoppio del caso Huawei. Il bando dell’azienda cinese ha rimesso tutto in forse, ipotecando le stime future. Adesso, fatta depositare la polvere dopo la deflagrazione della bomba mediatica, vediamo di fare un po’ di chiarezza.

L'impatto del caso Huawei sul mercato smartphone
L’impatto del caso Huawei sul mercato smartphone

Continue reading “(UPDATE) L’impatto del caso Huawei sul mercato smartphone”

Il caso Huawei (fra terzo OS e disruption della supply chain) e l’Etica Hacker

La grande fuga da Huawei è iniziata. Dopo Google, è stata una reazione a catena, come era prevedibile: anche Vodafone (EE e presto altri operatori mobili), Microsoft (che cesserà il supporto ai laptop del vendor cinese), il chipmaker britannico ARM, la giapponese Panasonic, l’elenco è destinato ad allungarsi. Huawei è come l’Iran: radioattivo. Chi tocca i fili, muore.

Il caso Huawei (fra terzo OS e supply chain) e l'etica hacker
Il caso Huawei (fra terzo OS e supply chain) e l’etica hacker

Continue reading “Il caso Huawei (fra terzo OS e disruption della supply chain) e l’Etica Hacker”

I tre jolly nella manica di Huawei e Pechino

Il congelamento di 90 giorni del bando a Huawei – che ieri ha fatto respirare le Borse mondiali – è nella logica delle cose. Nessun uomo è un’isola, tanto meno le aziende, frutto di intrecci profondi intessuti in decenni di globalizzazione.

I tre jolly nella manica di Huawei e Pechino
I tre jolly nella manica di Huawei e Pechino

I guadagni di Apple potrebbero crollare del 29% a causa di una rappresaglia cinese, se Pechino rispondesse con il bando a Huawei con un’analoga messa al bando di iPhone, spiega Goldman Sachs. Ma non solo. Pechino ha tre jolly nella manica. Continue reading “I tre jolly nella manica di Huawei e Pechino”

Se la sindrome di Daenerys s’impossessa di Google

Spoilerando le ultime due puntate del finale di stagione di Games Of Thrones (si astenga dalla lettura chi non le ha ancora viste!), potremmo dire, senza tema di smentita, che l’ombra di Daenerys si allunga minacciosamente su Google, la società californiana che ha deciso – con una rocambolesca inversione ad U rispetto al suo passato – di seguire il Presidente Trump nella guerra dei dazi contro la Cina e rompere i ponti con Huawei, il vendor che, dopo la sud-coreana Samsung, più ha reso popolare il sistema operativo Google Android nel mercato smartphone.

La sindrome di Daenerys – che all’improvviso “impazzisce”, cede alla furia irrazionale e, novella Medea, con spietata efferatezza e piglio da regina sanguinaria, con un gesto repentino, cancella un destino di eroina positiva, costruito passo a passo in ben otto stagioni di serie Tv – sembra essersi impossessato di Google. Come se Trump, tutto “fuoco e furia“, travestito da drago, avesse scorrazzato per i cieli Google – Daenerys (la madre dei draghi, la spezzacatene ovvero la liberatrice deli schiavi…), fino alla scena madre della brutale distruzione di Approdo del Re e dei suoi inermi abitanti.  Continue reading “Se la sindrome di Daenerys s’impossessa di Google”

Google vs. Huawei. Prove tecniche di Sovranismo Digitale

Quando il Presidente USA Trump ha messo al bando Huawei, inserendola nella blacklist, ha provocato l’escalation che sta raggiungendo il suo culmine in queste ore. Reuters riporta che Alphabet, la capofila di Google, ha sospeso ogni business di trasferimento di tecnologia con Huawei, tranne quelli coperti da licenza Open Source. Significa che il colosso tecnologico cinese perde l’accesso agli aggiornamenti di Google Android (il sistema operativo che gira sui dispositivi targati Huawei): i futuri smartphone del gigante – che ha superato Apple nelle vendite -, finito nel mirino di Trump, non potranno più aprire il Google Play Store (per scaricare ed aggiornare le apps), la posta elettronica Gmail, le mappe, l’assistente digitale e le applicazioni di YouTube.

Google e le aziende USA sospendono i futuri rapporti con Huawei
Google e le aziende USA sospendono i futuri rapporti con Huawei

La galassia Google finirà fuori dal radar di Huawei. L’impatto delle minacce di Trump colpisce con furia la supply chain dei colossi hi-tech: non solo Google, ma anche Qualcomm, Intel (ma sono in declino i titoli delle europee Infineon e STM…) chiudono i ponti con Huawei, finita nella blacklist dell’amministrazione statunitense.  Continue reading “Google vs. Huawei. Prove tecniche di Sovranismo Digitale”

La lunga strada di Uber verso il NYSE

L’attesissima quotazione di Uber, l’app più famosa (e contestata dai taxisti di tutto il mondo uniti), è giunta al termine della sua decennale corsa. Oggi debutta al NYSE, alla Borsa di Wall Street. Nata come startup della galassia della sharing-economy nel 2009 a San Francisco, presto diventata uno dei più promettenti unicorni, l’azienda spicca fra le 10-15 IPO più valutate di sempre.

La lunga strada di Uber verso il NYSE
La lunga strada di Uber verso il NYSE

Continue reading “La lunga strada di Uber verso il NYSE”