In Italia i morti per Coronavirus hanno superato il numero delle vittime delle Torri Gemelle, ma il Burocrate lo ignora

Solo ieri in Italia, su 35 mila contagiati, i decessi per Coronavirus sono stati 475, un record giornaliero neanche mai raggiunto in Cina, dove per altro il temibile virus miete più vittime della Sars. Continua la campagna di contenimento, #iorestoacasa, essendo l’isolamento l’unico modo efficace in grado di battere l’epidemia che ha messo in ginocchio la Terapia Intensiva in Lombardia. Ma non basta, anche perché dalla semplice analisi delle celle telefoniche nella regione del Nord emerge che il 40% dei cittadini lombardi esce ancora troppo spesso di casa, mettendo a rischio la propria saluta e quella dell’intera comunità in cui viviamo.

L'autocertificazione può essere solo cartacea: non sono valide app nell'era del Mobile First
L’autocertificazione può essere solo cartacea: non sono valide app nell’era del Mobile First

Continue reading “In Italia i morti per Coronavirus hanno superato il numero delle vittime delle Torri Gemelle, ma il Burocrate lo ignora”

L’impatto del Coronavirus potrebbe essere peggiore della Grande Crisi 2008

La previsione di crescita della spesa ICT in Europa nel 2020 è stata rivista al ribasso: passa dal 2,8% all’1,4%, secondo IDC, nello scenario più probabile. Anche il mercato smartphone, già saturo e in declino da tempo, dopo la cancellazione di MWC 2020, subirà una battuta d’arresto per l’effetto della diffusione del Coronavirus: -2,3% nel 2020 con un volume delle spedizioni di poco superiore a 1,3 miliardi di unità, ma a breve l’infarto supererà il -10%. Analogamente, il rallentamento affliggerà il mercato Pc e hardware in generale. La quarantena forzata potrebbe invece imprimere una spinta ai servizi: chiusi in casa, i film on demand e le serie Tv in streaming fanno compagnia a chi è in clausura.

L'impatto del Coronavirus potrebbe essere peggiore della Grande Crisi 2008
L’impatto del Coronavirus potrebbe essere peggiore della Grande Crisi 2008

Continue reading “L’impatto del Coronavirus potrebbe essere peggiore della Grande Crisi 2008”

Il Coronavirus imprimerà una forte accelerazione all’e-commerce

La chiusura forzata di intere zone rosse. Scuole e luoghi di intrattenimento e cultura chiusi. L’impossibilità di fare anche una passeggiata. La claustrofobica clausura per contenere l’epidemia da Coronavirus che è ormai una pandemia secondo l’OMS (fenomeno che, stando a Moody’s, difficilmente frenerà una recessione). Tutto congiura per dare una portentosa spinta all’e-commerce. Lo prevede eMarketer che esamina l’impatto da Covide-19 che impone di mantenere distanze e isolamento sociale.

Il Coronavirus imprimerà una forte accelerazione all'e-commerce
Il Coronavirus imprimerà una forte accelerazione all’e-commerce

Continue reading “Il Coronavirus imprimerà una forte accelerazione all’e-commerce”

Per il digitale ha fatto di più il Coronavirus in due settimane che vent’anni di inutili convegni fra sedicenti maschi Alfa

Il Lazio, il cui Presidente di Regione Nicola Zingaretti è risultato positivo al test del Coronavirus, ha messo sul tavolo 3,5 milioni di euro per la scuola digitale, mentre gli istituti sono chiusi in tutta Italia per contenere la diffusione del contagio, e insegnanti e dirigenti si preparano per fare e-learning, la didattica a distanza di cui si parla da decenni, senza compiere un passo avanti ad ogni back to school, il ritorno sui banchi a settembre. La Vice Ministro all’Istruzione Anna Ascani ha annunciato che i docenti che hanno seguito i Webinar del Miur sono ormai 2mila. Per il digitale, fra scuola e smart working (il lavoro agile in ufficio), ha fatto di più il Coronavirus in due settimane che vent’anni di inutili convegni… fra sedicenti maschi Alfa (sì, perché a questi convegni latitano le donne, anche molto competenti, mentre nei panel proliferano a vario titolo gli uomini).

Per il digitale ha fatto di più il Coronavirus in due settimane che vent'anni di inutili convegni fra sedicenti maschi Alfa
Per il digitale ha fatto di più il Coronavirus in due settimane che vent’anni di inutili convegni fra sedicenti maschi Alfa

Continue reading “Per il digitale ha fatto di più il Coronavirus in due settimane che vent’anni di inutili convegni fra sedicenti maschi Alfa”

L’Intelligenza artificiale (AI) secondo la UE. Una scommessa sul cloud e i big data da 20 miliardi

La presidente della Commissione UE, Ursula von der Leyen, ha affermato che per promuovere l’Intelligenza artificiale (AI) europea dobbiamo attrarre investimenti pari a 20 miliardi di dollari nel prossimo decennio. “Tutto ruota intorno ai dati“, ha twittato la politica tedesca che ha progetti ambiziosi per la UE digitale: intende creare un mercato unico europeo dei dati per attivare iniezioni da 4-6 miliardi di euro da scommettere in infrastrutture cloud e spazi di dati UE. Ecco gli scenari di mercato in cui inquadrare le importanti proposte UE.

L'Intelligenza artificiale (AI) secondo la UE. Una scommessa sul cloud e i big data da 20 miliardi
L’Intelligenza artificiale (AI) secondo la UE. Una scommessa sul cloud e i big data da 20 miliardi (nella foto: la presidente della Commissione UE, Ursula von der Leyen)

Continue reading “L’Intelligenza artificiale (AI) secondo la UE. Una scommessa sul cloud e i big data da 20 miliardi”

Coronavirus, non è l’ora di un’edizione di #MWC2020 solo in #streaming?

Le defezioni all’edizione di quest’anno del Mobile World Congress (MWC 2020) sono così importanti (non solo Ericsson, ma anche Vodafone, Deutsche Telekom, Nokia, e forse Orange) da rischiare di far cancellare l’evento che si tiene a Barcellona e che aspetta(va) 100mila visitatori. L’organizzatore GSMA sta decidendo il da farsi in queste ore, anche se la soppressione dell’evento, a causa dell’allarme coronavirus, comporterebbe alte penali e preferirebbe che il governo spagnolo dichiarasse l’emergenza sanitaria per far saltare l’appuntamento in programma dal 24 al 27 febbraio. MA siamo o no nell’era del video streaming?

Coronavirus, non è l'ora di un'edizione di #MWC2020 solo in #streaming?
Coronavirus, non è l’ora di un’edizione di #MWC2020 solo in #streaming?

Continue reading “Coronavirus, non è l’ora di un’edizione di #MWC2020 solo in #streaming?”

Coronavirus, un incubo da 280 miliardi di dollari nel primo trimestre

Un fantasma si aggira nel mondo globale ed è la psicosi da Coronavirus (319 casi in 24 Paesi, Cina esclusa, dove conta già 910 morti, più della Sars, che però registrava un tasso di mortalità inferiore). Soprattutto che il coronavirus avrebbe un tempo di incubazione NON di 14 giorni, bensì di 24 giorni. E in questa fase il principio di precauzione è l’unico da osservare con rigore.  Ma tutto ciò ha un costo, e non solo umano, come dimostra la doppia morte del dottor Li Wenliang, ucciso dal coronavirus cotratto da un paziente e prima dalla censura per aver dato l’allarme all’inizio dell’epidemia.

Contagiato da un paziente, il medico cinese Li Wenliang era stato censurato per aver dato l'allarme all'inizio dell'epidemia da coronavirus.
Contagiato da un paziente, il medico cinese Li Wenliang era stato censurato per aver dato l’allarme all’inizio dell’epidemia da coronavirus.

Continue reading “Coronavirus, un incubo da 280 miliardi di dollari nel primo trimestre”

Coronavirus e de-coupling, la de-globalizzazione nell’era del fattore G come Geo-politica

Potè più il coronavirus della guerra dei dazi (in fase di tregua, dopo il recente accordo) per avviare il de-coupling fortemente voluto dal Presidente USA Donald Trump? Lo dirà la storia, ma oggi la Cina è isolata: sono cancellati di ora in ora i voli da e per la Cina delle maggiori compagnie aeree del mondo (prima Lufthansa, seguita da British Airways e KLM…) e con le frontiere orientali chiuse dalla Russia dello zar Putin, che prima aveva adombrato la teoria complottista, in stile novax (il Presidente Xi Jinping che sfrutta e drammatizza il coronavirus per giustificare il forte rallentamento dell’economia cinese), per poi cedere al terrore di commettere l’errore più grave per un autocrate, la sottovalutazione del pericolo.

Coronavirus e de-coupling, la de-globalizzazione nell'era del fattore G
Coronavirus e de-coupling, la de-globalizzazione nell’era del fattore G come geo-politica

Continue reading “Coronavirus e de-coupling, la de-globalizzazione nell’era del fattore G come Geo-politica”

Un Black Friday da record non offusca il Cyber Monday

Il Black Friday ha messo a segno un nuovo record: 7,4 miliardi di dollari spesi ell’e-commerce, la seconda cifra più alta di sempre, alle spalle dei 7,9 miliardi del Cyber-Monday 2018. La stima è di Adobe Analytics, che prevede 9.4 miliardi di dollari nel Cyber Monday di oggi: se confermato, si tratterà di un aumento a doppia cifra del 19%. Gli americani hanno preferito lo shopping online alle code alle casse.

Record per l'e-commerce del Black Friday, ma per il Cyber Monday si stima un balzo del 19%
Record per l’e-commerce del Black Friday, ma per il Cyber Monday si stima un balzo del 19%

Continue reading “Un Black Friday da record non offusca il Cyber Monday”

Digitale per crescere (Anitec-Assinform): Il mercato digitale cresce grazie ai Digital Enabler, ma si può fare molto di più

Oggi si è svolto il convegno di Anitec-Assinform “Digitale per Crescere – Innovazione, Crescita, Trasformazione”, focalizzato sul ruolo strategico dell’innovazione (“inesorabile” l’ha definita Giancarlo Capitani), soprattutto nell’era dei Digital Enabler: Cloud computing, Internet delle cose (IoT), Mobile, opportunità di sviluppo e occasione per superare il divario digitale ancora presente nel Paese e soprattutto nella Pubblica Amministrazione (PA) da rendere efficiente e moderna, a disposizione del Cittadino Digitale di oggi. Partiamo dai numeri: dal rapporto Anitec-Assinform 2019 emerge che il mercato digitale italiano – informatica (IT), Tlc, contenuti digitali ed elettronica di consumo – cresce indipendentemente dal Pil e registrerà nel triennio 2019-2021 un incremento del 2,8% (+2,5% a 72,22 miliardi di euro nel 2019, +2,8% a 74,25 miliardi nel 2020 e +3,1% a 76,54 miliardi nel 2021), ma il potenziale è ancora in gran parte inespresso, secondo il Presidente Marco Gay, visto che dal 2015 la forbice fra crescita del mercato e quella del PIL si è fortemente allargata, e dunque si può fare molto di più, soprattutto affinché la crescita del digitale abbia impatto sull’economia nazionale. Gli investimenti del futuro devono essere digitali, basta pensare alla reintroduzione di Industria 4.0: non ci sono alternative. Tuttavia i nodi stanno venendo al pettine e vanno affrontati con grande serietà per dare una mano al Sistema Paese, da troppi trimestri in stagnazione.

Digitale per crescere (Anitec-Assinform): Il mercato digitale cresce grazie ai Digital Enabler, ma si può fare molto di più
Digitale per crescere (Anitec-Assinform): Il mercato digitale cresce grazie ai Digital Enabler, ma si può fare molto di più

Continue reading “Digitale per crescere (Anitec-Assinform): Il mercato digitale cresce grazie ai Digital Enabler, ma si può fare molto di più”