Intervista a LAYLA PAVONE (Digital Magics): Serve un’alleanza di sistema per portare il Made in Italy digitale in tutto il mondo

ScenariDigitali.info intervista LAYLA PAVONE, Consigliere e Chief Innovation Marketing and Communication Officer di Digital Magics, il noto business incubator di startup innovative e scaleup digitali, per fare il punto sui temi più scottanti dell’Italia digitale 2018: Industria e Impresa 4.0, competenze digitali, startup e innovazione, e-commerce e Pmi alle prese con la trasformazione digitale. Temi di cui Layla Pavone si occupa, con grande professionalità e “veduta lunga”, da oltre tre decenni, fin dai primi passi mossi nella Rete ai tempi delle BBS e dell’avventura di Video Online, intrapresa, da autentica visionaria e con serio pragmatismo, subito dopo la laurea in Scienze Politiche e un master in Comunicazione d’impresa e nuove tecnologie. Pioniera di Internet e soprattutto della pubblicità digitale, insignita del Premio Eccellenza di Manageritalia nel 2007, in questa intervista Layla Pavone delinea gli scenari digitali nell’Italia di oggi, in un Paese che deve imparare a crescere grazie all’innovazione, alle competenze digitali e alle sfide del futuro. Un futuro che è già qui, corre veloce e non deve coglierci impreparati, a partire dagli investimenti in Impresa 4.0, banda ultra larga e nell’ecosistema delle startup. Ma dobbiamo anche essere consapevoli delle nostre potenzialità: in fondo, “se il Made in Italy fosse un brand, sarebbe il terzo più conosciuto al mondo“. Ecco l’intervista a Layla Pavone.

Layla Pavone, Consigliere e Chief Innovation Marketing and Communication Officer di Digital Magics
Layla Pavone, Consigliere e Chief Innovation Marketing and Communication Officer di Digital Magics

Continue reading “Intervista a LAYLA PAVONE (Digital Magics): Serve un’alleanza di sistema per portare il Made in Italy digitale in tutto il mondo”

News. Le brevi del #13febbraio dal mondo digitale

Osservatori Politecnico di Milano: Spesa in device Internet of Things (Iot) degli italiani a quota 250 milioni di euro per dispositivi connessi (Smart home)

Al Digital Magics InvestorDay di ieri sono stati presentati scenari e orientamenti strategici per il 2018, tra cui: 3,5 milioni di di euro di investimenti stimati (+35% vs 2017); 10-15 nuove startup ; 10 nuovi programmi di Open Innovation. Supporto apertura nuove sedi TalentGarden

McKinsey: Il modello di pura banca digitale non è ancora sostenibile

WEF: sono 57 le startup divenute unicorni nel 2017

Cia, Fbi, Nsa: «Americani, non comprate gli smartphone cinesi». Questo è il monito di ieri delle agenzie di sicurezza americane. Oppure è solo una guerra commerciale combattuta con altre armi?

Il ritardo tricolore nell’Intelligenza artificiale (AI)

In Italia supera la metà (il 56%) il numero di aziende che è scesa in campo con iniziative di intelligenza artificiale (AI), progetti ancora in fase embrionale, contro il 70% di Francia e Germania. in una fase embrionale di utilizzo. So i dati che emergono dall’Osservatorio Artificial Intelligence della School of Management del Politecnico di Milano, che ha condotto l’analisi su 721 imprese e 469 casi di utilizzo di AI.

Il ritardo tricolore nell'Intelligenza artificiale (AI)
Il ritardo tricolore nell’Intelligenza artificiale (AI)

Continue reading “Il ritardo tricolore nell’Intelligenza artificiale (AI)”

News dal mondo digitale. Le brevi del #14febbraio

Scenari Digitali apre il canale Youtube

Idc: Google avrebbe venduto 3.9 milioni di Google Pixel, in un mercato da 1,5 miliardo circa di smartphone venduti

Nel mondo c’erano 66 robot ogni 10mila lavoratori nel 2015, saliti a 74 nel 2017, in Europa 99, in Sud Corea 631

L’Estonia vuole portare sistema pensionistico e fisco su blockchain. Microsoft applicherà la tecnologia blockchain, quella usata per creare i bitcoin, nel settore della protezione dei dati personali

Amazon taglierà centinaia di posti di lavoro nel suo quartier generale di Seattle.

Bit 2018: Il turismo in Italia vale 100 miliardi di euro. Il ruolo dell’e-commerce nel settore viaggi

Dall’XXI Rapporto sul turismo italiano curato da Iriss-Cnr, emerge che nel 2016 il settore turistico ha segnato il record di 117 milioni di arrivi in Italia. Nel 2016 il turismo italiano si attesta a 93,9 miliardi, di cui 36,4 generati dalla domanda straniera (38,7% del totale) e 57,6 da quella interna (61,3%, per un valore aggiunto complessivo di 103,6 miliardi (quasi il 7% del PIL). Il turismo vale tre volte il settore agro-alimentare e oltre quattro volte il tessile e l’abbigliamento. Con 3,2 milioni, pari al 13,2% dell’occupazione nazionale. Sono i dati presentati alla Borsa internazionale del turismo di Milano (Bit 2018), presso la Sala Amber 3 di FieraMilanoCity-Mico.

Bit 2018: Il turismo in Italia vale 100 miliardi di euro. Il ruolo dell'e-commerce nel settore viaggi
Bit 2018: Il turismo in Italia vale 100 miliardi di euro. Il ruolo dell’e-commerce nel settore viaggi

Continue reading “Bit 2018: Il turismo in Italia vale 100 miliardi di euro. Il ruolo dell’e-commerce nel settore viaggi”

Facebook perde giovani, ma si prepara per nuove sfide

Snapchat ruba l’audience più giovane (ed appetibile, dal punto di vista pubblicitario) a Facebook. Succede in USA, dove, secondo eMarketer, la fuga dei teenager e degli Under25 potrebbe portar via 2 milioni di utenti al social network di Menlo Park. Ma accade anche in UK dove il 71% degli utenti fra i 12 e i 17 anni (anche se ‘iscrizione è possibile compiuti i 13 anni) continuerà ad usare Facebook, ma in calo dell’8% rispetto a un anno fa. Snapchat guadagnerà 1,9 milioni di utenti negli USA e log-in dal 43% degli utenti di Facebook in UK nel 2018 (più del doppio rispetto a tre anni fa).

Facebook perde giovani, ma si prepara per nuove sfide
Facebook perde giovani, ma si prepara per nuove sfide

Ma Facebook, che ha superato la soglia dei 13 miliardi di dollari di fatturato, si preoccupa di queste tendenze? Sembrerebbe di sì (-5% le ore trascorse sul social nell’ultimo trimestre), visto che ha siglato accordi con Universal, Sony e presto Warner (secondo previsioni). Già il 63% di chi aggiorna gli status sul social network, ascolta la musica in streaming (fonte: Global Web Index).  Continue reading “Facebook perde giovani, ma si prepara per nuove sfide”

La grande scommessa di Apple. Occhio alla Cina, mentre cala il mercato smartphone

Apple avrebbe venduto 29 milioni di unità nel quarto trimestre 2017, secondo Canalys, superando il numero degli smartphone venduti da Samsung. Grazie all’ultima versione costosa di iPhone, l’azienda che fu di Steve Jobs ha registrato un nuovo record di profitti, pur segnando un declino nelle vendite complessive dello smartphone che ha appena compiuto dieci anni. Intanto, Xiaomi, pronta a rivelare il nuovo Redmi Note 5 durante il 14 febbraio, è già tornata sugli scudi, riconquistando un posto al sole nella Top5 dei vendor globali, mentre il mercato smartphone, dopo il vistoso rallentamento, ha registrato il declino dello 0.1% nei volumi a quota 1.47 miliardi di unità secondo IDC (invece, stando ai dati di Strategy Analytics, il mercato smartphone cresce dell’1%).

Ma Apple deve prestare attenzione a un altro dato: il mercato cinese, il più grande al mondo, in calo per la prima volta (-4%), quello dove Huawei detiene lo scettro e Xiaomi tallona Vivo e Oppo, mentre Apple chiude la cinquina cinese al quinto posto. Continue reading “La grande scommessa di Apple. Occhio alla Cina, mentre cala il mercato smartphone”

#News. Le brevi dal mondo digitale del #7febbraio

Lanciato Falcon Heavy, il potente razzo di Elon Musk già entrato nella storia. Tesla Roadster pesa 1,3 tonnellate e costerà 200 mila dollari. Alla velocità di 11 km al secondo, è diretta verso Marte

Viacom acquisisce VidCon, per conquistare l’audience dei giovani connessi a YouTube

Le brevi del #6febbraio:

Android 8 Oreo sorpassa la soglia dell’1% di adozione, Nougat è la versione più usata con il 28,6%, ma è tallonato da Android 6.0 Marshmallow al 28,1%

Idc: Il segmento tablet detachable è cresciuto del 10,3% nel 4Q17 e dell’1,6% nell’intero 2017. Il mercato tablet complessivo (detachable + slate) rimane in territorio negativo: -7,9% nel 4Q17 e -6,5% nel 2017

I Bitcoin crollano sotto i 6mila dollari (-13%)

Apple è solo quarta nel mercato smartphone in Cina.

Le brevi del #5febbraio:

Apple indaga: iPhoneX non risponde alle telefonate

Broadcom alza di 20 miliardi l’offerta «finale» per conquistare Qualcomm: sul piatto 146 miliardi di dollari

Apple vorrebbe dare il benservito a Qualcomm per i modem di iPhone

Safer Internet Day 2018: la cyber sicurezza in Italia vale un miliardo di euro

Nell’ultimo biennio, i costi della sicurezza IT sono saliti del 23% e i cyber-attacchi alle aziende si attestano a circa 130, per un costo di 11.7 milioni di dollari l’anno. Oggi è il Safer Internet Day 2018 in Europa ed escono i dati aggiornati, a cura dell’Osservatorio Information security & privacy della School of management del Politecnico Milano. Il mercato della Sicurezza in Italia vale 1,09 miliardi di euro, in salita del 12% rispetto al 2016.

Safer Internet Day 2018: la cyber sicurezza in Italia vale un miliardo di euro
Safer Internet Day 2018: la cyber sicurezza in Italia vale un miliardo di euro

La spesa pesa per il 78% del totale sulle grandi aziende. A trainare il budget in sicurezza è il nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati (GDPR) che entrerà in vigore dal 25 maggio prossimo. Un’azienda italiana su due (51%) affronta iniziative per applicare la normativa UE in tema di privacy: era il 9% un anno fa. Il 58% delle grandi imprese (rispetto al 15% del 2016) ha un budget ad hoc.  Continue reading “Safer Internet Day 2018: la cyber sicurezza in Italia vale un miliardo di euro”

#StartupDay vuole rimettere le startup al centro: Italia ferma al palo, mentre l’Europa corre

Il mercato delle startup deve cogliere tutte le opportunità per andare avanti. Ancora troppo spesso viene visto come un fenomeno di costume“, ha spiegato a #StartupDay Marco Gay, amministratore delegato di Digital Magics, che precisa che “45 mila addetti sono un’industria che muove pezzi di Paese“. Le startup sono quasi ignorate nella campagna elettorale, ma sono un volano dell’innovazione e dell’Italia. Mentre Yoox passa di mano agli svizzeri, ricordiamo che è stato l’unico unicorno in Italia. Tra i fattori che permettono la sopravvivenza e lo sviluppo delle startup è determinante la presenza di adeguate fonti di finanziamento. Senza, non decollano. E la bocciatura della proposta che destinava ai venture capital il 3% del Pir, non è stato un bel segnale. Invece la Francia ha ceduto partecipazioni statali e sovvenzionato un fondo da 13 miliardi di dollari per la cosiddetta “disruptive innovation”. La scommessa di Parigi nell’innovazione tecnologica, avviene dopo che nell’ultimo anno la Francia ha superato il Regno Unito nel numero di investimenti in startup tecnologiche. In questo scenario europeo, l’Italia deve fare di più.

#StartupDay vuole rimettere le startup al centro: Italia ferma al palo, mentre l'Europa corre
#StartupDay vuole rimettere le startup al centro: Italia ferma al palo, mentre l’Europa corre

A Roma convergono 40 rappresentanti di fondi di investimento, associazioni e acceleratori di startup, mentre il Piano Impresa 4.0 ha generato un incremento del 45% degli ordinativi interni di macchinari; ma adesso è l’ora di rimettere le startup al centro. Continue reading “#StartupDay vuole rimettere le startup al centro: Italia ferma al palo, mentre l’Europa corre”